Have a good journey

Consulenze di Viaggi
usa.haveagoodjourney.pixabay
usa.haveagoodjourney.pixabay
usa.haveagoodjourney.pixabay
usa.haveagoodjourney.pixabay
usa.haveagoodjourney.pixabay
usa.haveagoodjourney.pixabay
usa.haveagoodjourney.pixabay

Un viaggio di nozze negli Usa non conosce mezze misure

Dai grattacieli di Manhattan ai Canyons dell’Arizona. dallo strip di Las Vegas alle nevi delle montagne rocciose: un viaggio di nozze negli Usa non conosce mezze misure. Tutto è immenso, superlativo, extralarge.

Metropoli appassionanti, natura travolgente.

Chiedetevi dunque, solo se per voi è più romantico un tramonto vissuto sulla terrazza dell’Empire State Building o davanti allo scenario alieno della Monument Valley. E dopo aver deciso magari pretendete dipteri avere entrambi …

“Non c’è dubbio che le metropoli USA valgano il viaggio. Ma è la natura che ruba il cuore”.

L’America significa spazi aperti, paesaggi mozzafiato, natura selvaggia.  Nessuna foto, video, documentario o film può rendere l’emozione di una visita alla Monument Valley, il tramonto nel Bryce Canyon, i miraggi della Death Valley”. I parchi Usa sono uno spettacolo nello spettacolo: qui la natura è protetta, ma non addomesticata, pochi passi oltre la strada e a venire incontro è il mondo dei pionieri e dei pellerossa.

“Provare per credere”. “qui si è letteralmente sopraffatti dalla bellezza”.

Un viaggio che non è solo per sposini appassionati di animali, convinti ambientalisti, o in cerca di contemplazione. Questa è anche l’America dove vive ancora il mito della conquista, si visitano le riserve indiane, si incontrano i cowboy, si può soggiornare in un vero ranch e toccare con mano un’altro modo di essere e pensare americano.
Il Far West non è solo leggenda, non è materia da film, o da fumetti. è una categoria dello spirito, è un luogo sia reale sia immaginario, fuori e dentro di noi. Lo riconosciamo eppure ce ne innamoriamo, forse perché non crediamo possibile incontrarlo per davvero.
Un viaggio così presuppone però sposini adattabili (le strutture nei parchi sono semplici e spartane), curiosi “di e per natura”, con la passione per l’outdoor, capaci di resistere ore e ore on the road (le distanze sono importanti), consapevoli che l’orso Yogi è un animale potenzialmente pericoloso, il serpente a sonagli ha diritto di vivere tra le rocce e lo scorpione di cercare il calduccio negli scarponi.
Consigli? Ecco  alcune cose da non perdere”:
■ albe e tramonti: i “magic moments” possono essere vissuti dai punti ben segnalati come “inspiration point” presenti in tutte le aree protette.
■ Nella Monument Valley il barbecue con gli indiani. Turistico, ma non meno suggestivo.
■ Al Grand Canyon il giro con l’elicottero è un must, ma se non ve la sentite c’è sempre lo Skywalk un balcone a ferro di cavallo sospeso a circa 1200 m di altezza, proteso oltre 20 metri nel vuoto, con un pavimento di vetro trasparente di 6,5 cm di spessore. Un punto di vista davvero speciale sul West Rim del Grand Canyon e la famosa formazione rocciosa dell’Eagle Point che ricorda un’aquila ad ali spiegate.
■ Se cercate qualcosa davvero speciale c’è il Parco nazionale di Arches nei pressi di Moab nello Utah: un’area naturale protetta che conserva oltre 2000 archi naturali di arenaria. Una delle zone più aspre e inaccessibili dell’Ovest americano. Non perdete l’escursione notturna al Delicate Arch: avrete l’impressione di essere sulla stazione spaziale. La Via Lattea non vi sarà mai altrettanto vicina.
■ La mecca degli sportivi è YOSEMITE: trekking, free climbing, bicicletta. Qui ogni possibile declinazione dell’outdoor è possibile dalla scalata più estrema su pareti rocciose più lisce di un biliardo alla passeggiata romantica lungo il fiume.
Qui ogni sera i ranger raccontano le storie della frontiera e sarà come se John Muir stesso, il padre dell’ambientalismo moderno e l’uomo che giusto 100 anni fa combattè per la protezione dello Yosemite, fosse lì a insegnarvi cosa significa proteggere il nostro meraviglioso pianeta.
■ Il parco dei parchi è Yellowstone e non solo per i bisonti, i geyser, le foreste dove Bambi correrà ancora per molte generazioni di bambini. Yellowstone è lo spirito della conservazione della natura americana (che è poi all’origine dell’ambientalismo moderno). Era il 1872 quando fu istituito e per la prima volta l’uomo regolamentava un territorio non per sfruttarlo o modificarlo, ma per proteggerne le caratteristiche naturali, per preservarlo intatto per le generazioni future (“for the benefit and enjoyment of future generations”). Nasceva una preoccupazione del tutto nuova, quella di mantenere intatte le bellezze naturali, e le radici stesse della nostra storia di esseri umani sul pianeta Terra.
“Preservare la natura e fare in modo che la gente ne goda” è il motto del Park Service americano. Proprio nel difficile equilibrio tra la conservazione della bellezza del paesaggio e il suo godimento da parte di tutti sta infatti la grande sfida che i parchi naturali pongono.
Visitarli in luna di miele è l’occasione giusta non solo per divertirsi, per goderne la bellezza senza eguali o per abbandonarsi all’abbraccio di emozioni forti, quasi originarie, ma forse anche per imparare una lezione che vale per tutta la vita
“Chi sceglie gli Usa per il viaggio più importante della sua vita sa cosa sta cercando. Certamente conferme su quanto pagine di libri, film e telefilm continuano a raccontarci. Si visitano luoghi che conosciamo bene ma che vogliamo davvero vedere con i nostri occhi, diventando così protagonisti di un racconto dentro il quale in fondo viviamo da sempre”, racconta Anna. Ma a rendere stimolante il viaggio è che oltre all’atteso scopriamo l’inaspettato, che incappiamo in sorprese a ogni angolo. Alla fine il ricordo sarà solo nostro, nostri gli incontri, nostra l’esperienza. Porteremo nel cuore non la New York di Woody Allen o la Miami di CSI, ma la nostra. L’America si riempie di contenuti perchè è aperta a dare come a ricevere. Se poi si è in due, e innamorati, ancora meglio.
NEW YORK
Non è solo frenesia, traffico, shopping e musical di Broadway.
“Per me è sempre stata la città più romantica”, sottolinea Anna. Prendete per esempio Central Park: un giro in carrozza o in bicicletta, un pic nic sull’erba o il classico pattinaggio sul ghiaccio in inverno. Questa è anche la città dove non si dorme mai, dove si possono gustare tutte le cucine del mondo, dove ogni quartiere è un mondo a parte. New York è anche un bacio sulla terrazza dell’Empire. Lo hanno fatto milioni di innamorati, di tutte le etnie, di tutte le età. La magia del luogo è che ogni volta è come se non fosse mai successo prima.
Mille i diversi itinerari possibili: classici e insoliti (se non è la prima volta). Compresi quelli che portano nella diverse location dei film, nella caffetteria di Serendipity come al Katz’s Delicatessen dove pranzarono Harry e Sally e c’è l’insegna che lo ricorda. “I’ll have what she had” “Prendo lo stesso che ha preso lei”. Più stimolante di così.

SPOSARSI A NEW YORK. Si possono scambiare promesse d’amore sulla cima del Top of The Rock, davanti ad una vista mozzafiato oppure immersi nel verde di Central Park, o sotto il Brooklyn Bridge.
Sono tante e diverse le proposte: un wedding planner organizzerà tutto alla perfezione, compresa la traduzione dei documenti per la registrazione del matrimonio una volta rientrati in Italia.
BOSTON
“Bella, piccola, elegante”,  “Si gira a piedi la più europea delle metropoli USA. Le strade sono acciottolate, le gallerie d’arte sono ovunque e c’è quella linea rossa che l’attraversa, il Freedom Trail, che è una strada dritta dentro la storia della nazione più potente del mondo”.
Boston è la porta di uno degli angoli più intensi e straordinari d’America: il New England. Massachussetts, Connecticut, Rhode Island, Maine, New Hampshire, Vermont. Per una coppia in cerca di cultura e relax ci sono cene a base di aragosta, boschi rossi e oro in autunno, balene che saltano nell’oceano, musei, teatri e molto altro ancora.
SAN FRANCISCO
“Sono le strade che fanno San Francisco e questa è una città da girare a piedi o con i tipici tram”, racconta Anna che suggerisce: “Prendetevela comoda. Frisco non ha fretta”. E mette giù la sua personale classifica: una sosta a Sausalito, la Portofino d’America, un giro in bici sul Golden Gate, il rientro in traghetto per non perdere nessun lato del ponte più bello del mondo, le case vittoriane di Pacific Heights, i blue crab, gli ottimi granchi da mangiare nei baracchini del Fisherman’s Wharf, il tramonto sulla baia dalla Coit Tower e una decappottabile (o magari una Harley?) da guidare sulla 17 Mile Drive per godere lo scenario più bello della costa. Tutti spunti per una luna di miele California Dreaming.
LAS VEGAS
“Romantica non direi”, spiega Anna. “Ma è la meta più celebre per convolare a nozze. Vi convergono aspiranti sposini a partire dagli anni ’30. A milioni. Ogni anno”. Kitsch così esagerato da acquisire un incredile fascino. Las Vegas è la mitica Strip, la Little White Chapel dove ci si può far sposare dal sosia di Elvis Presley, le fontane del Bellagio, i casinò che non chiudono mai, gli spettacoli, la musica, le luci, i lustrini… Nessuno provi a capire perché Vegas incanti. Semplicemente bisogna arrendersi alla sua follia.
NEW ORLEANS
“Più che coppie romantiche qui indirizzerei coppie in cerca di emozione frizzanti”, sostiene Anna. La città è il risultato di una ricetta davvero unica. C’è un tocco francese suadente e sornione, molto caribe misterioso e carnale, sonorità africane, magia haitiana, profumi tropicali, ritmi brasiliani. New Orleans è piccante e insolita, trasgressiva e musicale. Qui sono gli Stati Uniti che meno somigliano agli USA: sorprendenti e capaci di incantare.
La visita può aggiungere un pò di peperoncino a una Luna di miele convenzionale o essere la meta privilegiata per coppie che hanno già assaporato la faccia “nota” degli States e ora hanno voglia di sperimentare qualcosa di non convenzionale. “Come il carnevale, per esempio, che è un evento indimenticabile”

Queste davvero sono solo alcune delle tappe che i grandiosi USA  ci regalano, in un articolo di Hotelplan a firma della responsabile prodotto.

In un viaggio negli States tutto è possibile: info@haveagoodjourney.it per iniziare a programmare il vostro.

 


There is no ads to display, Please add some